Opinioni Post LotuSphere

Connections LOTUSSPHERE07 Q-A Quickr

  • 0 commenti
Un interessante articolo che riassume gli elementi salienti di LotuSphere con alcuni commenti e considerazioni non scontate gentilmente concesso da Giorgio e che potete leggere sul suo Blog.
Claudio M.

Link del articolo al Blog di Giorgetto:
http://www.giorgetto.net/blog/lavoro-lotusphere-2007

http://www-142.ibm.com/software/sw-lotus/art/ls07_443x100_generic.gif

Questa pagina è dedicata ad una lettura riassuntiva e critica del recente Lotusphere, manifestazione Lotus dove vengono presentate le linee guida dei prodotti IBM Lotus per il 2007 più una serie di sessioni di approfondimento tecnico, l’ho scritta giusto per tenermi in aggiornato ed in allenamento (sono in Australia per una long holiday di 6 mesi..:) ma la lettura potrebbe anche interessare tutti gli amici di Dominopoint ogni commento è il ben venuto.

Scrivo questa pagina perchè le novità sono molte, ci sono molti nuovi prodotti ed è facile confondersi e rimanere spaesati, la cosa positiva è che finalmente IBM sembra uscita dall’incertezza e punti dritto verso la strada della collaborazione, forse è la volta buona!…e non dimenticate di leggere in fondo le considerazioni finali… Ma partiamo con le novità:

Lotus Expeditor (via Volker Weber)

http://www-142.ibm.com/software/sw-lotus/art/exphero.gif

  • Lotus Expeditor è un tool kit per i programmatori per la creazione ed il mantenimento (supporto ed aggiornamento) di applicazione client server.
  • Expeditor è fatto e basato su Eclipse (java)
  • Expeditor fa girare nativamente applicazioni e servizi scritti per Eclipse
  • Sametime 7.5 e Notes 8 sono client creati con e da Expeditor
Lotus Notes/Domino 8

E’ da qualche mese che se ne parla, prima con il nome di Hannover, il nuovo Lotus dovrebbe essere una rivoluzione, sicuramente più innovativo delle precedenti relase 6 e 7.

Image:Opinioni Post LotuSphere

  • Nuovo client completamente riscritto ma completamente compatibile con vecchie applicazioni e database.
  • finalmente sono state ripensate le interfacce pensando più a cosa si aspetta l’utente (qui il blog del team che se ne è occupato, molto interessante)
  • Integrazione degli “Office productivity tools” (Open Document Format qui per dettagli e screenshot)
  • Nuovo concetto”Activity-centric collaboration” ovvero un nuovo modo di presentare ed organizzare i vari elementi del client in base ad un task o un progetto
  • Dal punto di vista server, poche novità strutturali (qui per maggiori dettagli)
  • qui per scaricare una demo
Lotus Quickr

Nuovo prodotto, integrazione di un gestore documentale e teamplace via web

http://farm1.static.flickr.com/185/365532835_8303301843.jpg?v=0

  • Andrà a rimpiazzare Quickplace e Domino.doc, per quickplace la migrazione è garantita, per domino.doc per ora no.
http://farm1.static.flickr.com/125/365532837_b58ecbac68.jpg?v=0
  • Alcune novità a livello client:
  • Integration with e-mail — drag and drop threads and attachments from e-mail into QuickPlace folders shown directly in your inbox!
  • A complete overhaul of the user interface using Web 2.0 technologies and AJAX — a productivity boost as well as bringing QuickPlace in line with the advanced capabilities of new browser applications
  • Contextual menus to perform actions on documents directly from the folder view
  • Mouse-over popups for member “business cards”
  • Drag and drop documents into folders
  • Open Document Format support
  • RSS and Atom feeds for subscription and notification of QuickPlace content and events
  • Deeper integration with Microsoft Office - open, save and modify directly from the menu and toolbar
  • Integration with the new Eclipse-based “Hannover” client - a new sidebar panel to see your places
  • Integration with Activities, with the ability to add QuickPlace data to an Activity and see your activities in your place
  • Integration with Sametime 7.5 via plug-ins that surface QuickPlace membership information, contextual “our places” links during chats, and more
  • Il prodotto potrà essere sviluppato sia in versione Domino che J2EE
  • Non richiede Domino 8 per funzionare ma basta Domino 7.02
Lotus Connections

La prima piattaforma di Social Networking for business di Lotus

http://farm1.static.flickr.com/183/365850799_59b677bf30.jpg?v=0

Lotus Connection comprende:

  • Profiles: ovvero dalle mitiche Blue pages di IBM, una Directory di tutti i dipendenti con profili, foto, organigramma e progetti attuali e passati.
  • Communities: ovvero spazio dedicato a gruppi di lavoro, che possono condividere chat, forum, mail ed alert
  • Dogear: ovvero un social bookmarking aziendale tipo del.icio.us
  • Activities: ovvero una cartella di progetto, che per contiene tutto il materiale relativo ad un’offerta o un progetto, analisi in exel, prospect, offerte, mail scambiate con il cliente
  • Blog: overo una piattaforma aziendale per la creazione di blog (basati su Roller e non su template .nsf )
  • Completa il tutto un buon motore di ricerca interno, e l’integrazione con Sametime.
  • Tutta questa serie di strumento dovrebbero integrarsi ed costruire un nuovo strato web 2.0 all’interno dell’intranet aziendale
Lotus Sametime 7.5.1

http://farm1.static.flickr.com/145/366378727_90478bcbc0.jpg?v=0

Nuova versione con interessanti novità:

  • Funzionalità point-to-point video in tempo reale
  • Integrazione con Office e Outlook
  • Versione server funzionante su Linux
  • Versione client anche per Mac
Considerazioni finali

Il messaggio di Lotusghere 2006 era “Yellow is the new black” , bene è di qua che bisogna partire per comprendere che cosa sta succedendo in IBM, in qualche modo, Lotus, l’anima gialla, la più innovativa e spinta verso la collaborazione, ha vinto la grande battaglia interna che la contrapponeva a Websphere l’anima viola e più razionale nell’azienda ed è diventata il nuovo nero, colore di bandiera di IBM.

E giusto da qualche giorno prima del Lotusphere 2007 questo cambiamento non è più in discussione,dal fronte Websphere-Workplace Ibm ha fatto sapere che Workplace Messaging non verrà più sviluppato e venduto (ai pochi clienti che l’avevano acquistato verranno date licenze Lotus Domino Web Access) e dalla stampa si è saputo che Donald Ferguson padre di Websphere ha lasciato IBM per approdare in Microsoft ed occuparsi di Sharepoint. (intanto Ray Ozzie, inventore di Lotus Notes è stato promosso a Chief Software Architect dell’intera Microsoft, ruolo ricoperto fino ad ora da Bill Gates)

Quindi ora che Lotus ha vinto la battaglia interna è libera di affrontare il mercato con nuove idee e prodotti, molto più spinti verso la collaborazione di quanto ha fatto negli ultimi anni.

Lotus Connection per esempio è figlio diretto del Discovery Server, il cui intento era ed è di catturare, organizzare ed riutilizzare la conoscenza collettiva implicita che è all’interno dell’azienda.

Lotus Quick è la naturale e logica evoluzione di Quickplace, uno dei software più innovativi in casa Lotus, ma che per troppo tempo è stato penalizzato dallo sviluppo di Websphere Portal, dovrebbe essere il prodotto giusto per tutti i clienti di media dimensione che in questo momento usano ancora la mail come repository di documenti., che nella realtà italiana vuol dire quasi tutti. (per i clienti medio grandi Ibm dovrebbe uscire con un nuovo prodotto basato sul recente acquisto di Filenet uno dei migliori gestori documentale e di processi sul mercato).

Sametime 7.5.1 sarà un prodotto maturo, la videoconferenza punto a punto e l’integrazione con l’ambiente office erano l’ultimi elementi che mancavano, non ci dovrebbero essere grosse difficoltà a proporlo a tutti i clienti Lotus.

Ed infine Lotus Notes/Domino 8, finalmente è stato ridisegnato il client, principale punto debole di Lotus e punto di forza di Outlook, forti del +30% di crescita della divisione Lotus con incrementi anche in Italia delle le difficolta di Microsoft nel lanciare Excange 2007, Lotus Notes/Domino 8 dovrebbe essere sulla strada giusta, non si dovrebbe perdere nessuno dei clienti acquisiti ed anzi è probabile aumenteranno le migrazioni da Exchange. (Per alcuni clienti si rivelerà più semplice ed economico migrare a Lotus che da Exchange 2000 a Exchange 2007). Nelle intenzioni di IBM dovrebbe essere anche il nuovo strumento di creazione manipolazione di documenti di tipo Office, ma per questo obiettivo è presto per fare previsioni.

Infine restano alcune domande ovvero: questi nuovi prodotti saranno affidabili? e da quando saranno disponibili ?

Per ora si sa poco delle caratteristiche tecniche, la migrazione del client a Notes 8 dovrebbe essere garantita così come quella di Quickpkace, il client sametime 7.5 il primo basato su Lotus Expeditor è stato un successo, è un applicazione veloce ed affidabile, anche se richiede parecchia ram, stesso discorso dovrebbe essere per il client Notes 8. Dal punto di vista server Domino 8 è un prodotto maturo che non darà problemi, Lotus Connection e Lotus Quickr sono per ora un pò un incognita, è probabile che Connection girerà in ambiente Websphere (e si rivolgerà principalmente a grandi aziende), mentre Quickr verrà venduto nella versione per Domino e per Websphere. Per quanto riguarda i tempi, la beta di Lotus Notes/Domino 8 dovrebbe essere disponibile da febbraio, probabilmente entro giugno verranno rilasciati gli altri prodotti. Con alcuni clienti si potrà/dovrà partire con un progetto pilota di implementazione/migrazione da giugno o settembre. Probabilmente si lavorerà concretamente con questi applicativi dal 2008, ma fin da ora è il caso di presentare e prospettare ai clienti queste novità.

Da Lotusphere 2007 si può quindi capire che il futuro della collaborazione aziendale è vivo e l’interesse è alto, il web 2.0 entrerà presto nelle aziende e penso che sia arrivato il tempo di ri-iniziare a spingere concretamente su questi concetti, magari partendo dal knowledge che ci siano fatti in questi anni e dalle ceneri del seminario “Collaborazione e calore umano”.

Per ora è tutto, magari patecipate al Lotusphere Comes To You a Milano il 5 marzo, in ogni caso, ogni commento è gradito e ben accetto.

Update:

Mi sono iscritto al Lotusphere Comes To You qui a Melbourne, la cosa interessate è confrontare l’agenda del giorno di Melbourne con quella dell’ononima presentazione che ci sarà a Milano o New York, ebbene, solo qui in Australia stando all’agenda si parlerà ancora di Workplace (Workplace Web Content Manager e Forms), Domino 8 verrà solo presentato nel keynote iniziale e non una parola di Connections, Sametime 7.5.1 e Quickr: Quindi Ibm continuerà a proporre Workplace ai mercati zona Asia-PAcific, che d’altronde erano le uniche ad aver apprezzato questo prodotto.

0 Commenti:

  • #1 gg 08/26/2010 10:42:50 AM

    WWorkplace è fallito perchè domino e notes erano due cose diverse....al di la' di bachi java etc. quelli del brand websphere se volessero riprenderselo il portale..... non l'hanno mai fatto ma hai mai visto il portale 4?

  • #2 XY 03/08/2007 10:38:50 PM

    IMHO, Workplace è fallito perché i programmatori del brand Lotus hanno realizzato un software Java pieno di bachi ma soprattutto hanno mancato il time-to-market, cosa che invece "quelli" del brand WebSphere non hanno mai fatto (basta vedere le quote di mercato o quanto dice Gartner).

    Speriamo che gli stessi ora non rovinino il portale (vero gioiello passato di brand per coerenza funzionale, non certo per paternità tecnologica).

Commenta articolo
 

Questo spazio web è stato creato da per un uso pubblico e gratuito. Qualsiasi tipo di collaborazione sarà ben accetta.
Per maggiori informazioni, scrivete a info@dominopoint.it

About Dominopoint
Social
Dominopoint social presence: